Giardino forbito: promuoviamo il green a favore della cultura

L’associazione culturale Giardino forbito, costituitasi il 5 dicembre 2013, ha presentato il format Giardino forbito e la piattaforma web Pagine Verdi Googreen nel Gazebo dei Giardini Sambuy di piazza Carlo Felice a Torino il 16 ottobre 2015.

Giardino forbito è un progetto che nasce con l’obiettivo di coniugare il verde e la cultura tramite la realizzazione di un vivaio polifunzionale, multidisciplinare e interculturale situato nel cuore della città. PROMUOVERE IL GREEN A FAVORE DELLA CULTURA.

Il concept Giardino forbito, con i suoi spazi modulari e multifunzionali, si adatta al CONTESTO URBANO circostante, coinvolgendo tutte le realtà eco-friendly e culturali limitrofe, attuando una sinergia utile al benessere del quartiere.

Le sedi Giardino forbito saranno al contempo luogo promotore della sostenibilità e spazio dedicato alla cultura: parte dei proventi delle attività, infatti, vengono reinvestiti in progettazione culturale e didattica.

Giardino forbito vuole essere un’idea operativa e concreta: vivai interculturali e multidisciplinari sostenuti dalle stesse imprese del mondo green e dalla loro promozione, corsi di sensibilizzazione sul corretto utilizzo delle risorse, formazione per la diffusione di orti, punto di riferimento cittadino per la divulgazione della cultura basata sul consumo senza sprechi, dal km0 al birrificio artigianale, dall’attività di tessuti naturali al negozio di prodotti del territorio, dall’azienda produttrice di energia alternativa alle associazioni e cooperative impegnate nel sociale, dall’allevatore consapevole alla bottega maestra del gusto:  un punto di contatto quindi tra produttori eco-friendly e consumatori, in cui la cultura viene diffusa anche grazie al supporto delle istituzioni cittadine.

Il progetto prevede l’allestimento di più punti Giardino forbito, in previsione di una estensione a livello nazionale che permetta la diffusione di luoghi in cui si promuove il concetto della sostenibilità ambientale, un corretto utilizzo delle risorse e al contempo iniziative volte alla formazione e sensibilizzazione delle nuove generazioni.

Giardino forbito intende infatti valorizzare diverse aree della città attraverso la costruzione di strutture serra per favorire l’esposizione vivaistica e agroalimentare. Dove non possibile, si adatterà allo spazio disponibile, come nel caso dei Giardini Sambuy di piazza Carlo Felice. Questi luoghi saranno centri nevralgici promotori della sostenibilità e spazi dedicati alla cultura.

Patrocinato e sostenuto e dalla Fondazione Torino Smart City, dall’ Assessorato all’Ambiente della città di Torino e dalla Consulta per la valorizzazione dei beni artistici e culturali di Torino, il format Giardino forbito nasce in un momento in cui la crisi mondiale e delle singole nazioni coinvolge ogni settore – dall’alimentare all’energetico e ambientale, dal finanziario ed economico, dal culturale al sociale – e porta a riscoprire valori e modus vivendi più naturali, volti a un consumo responsabile e all’uso di strategie basate sul rispetto dell’ambiente, sulle sinergie e cooperazioni tra diverse realtà.

All’interno degli spazi Giardino forbito infatti coesistono ATTIVITA’ commerciali con EVENTI didattici e culturali, nell’ottica di promuovere temi quali l’eco-sostenibilità, la cultura del verde, del giardinaggio e del km0 e al contempo ospitare spettacoli, esposizioni, conferenze, laboratori.

Giardino forbito coinvolgerà tutte quelle associazioni e realtà che vanno nella sua stessa direzione, farà rete a 360°, non individuerà competitors ma partners, vedi ad esempio il rendere partecipe al progetto  associazioni come “I Love Toret” (associazione per la tutela delle fontane della città di Torino) e “Urbees” (progetto sulle api in città e miele urbano), ma anche cooperative che operano nel sociale come “Ecosol” (gestisce i reinserimenti lavorativi dei carcerati) e “Liberitutti” (si occupa di rilancio di territori in forte crisi).

Giardino forbito nasce quindi per coniugare cultura e modi di vivere sostenibili. Promuove l’ INNOVAZIONE, il GREEN, la CULTURA (interculturale), DIVERSI ASPETTI SOCIALI,  senza mai dimenticare il CONTESTO URBANO.

Con la collaborazione della Fondazione Contrada Torino ONLUS, insieme alla Città di Torino, Servizio Suolo Pubblico ed Arredo Urbano che nel 2012 hanno realizzato un’indagine campione su alcune stazioni di distribuzione carburanti in disuso presenti sul territorio comunale, si è valutata, inoltre, la conversione di tali spazi in strutture Giardino forbito, con la partecipazione al bando Culturability, promosso da Unipol e fondazione Fitzcarraldo, e al Premio Start up sociali promosso da Banca Prossima e fondazione San Patrignano.

Pagine Verdi Googreen

L’attività del Giardino avrà una sua estensione virtuale nello spazio e nel tempo con www.giardinoforbito.it che agirà da amplificatore e catalizzatore dei valori e dei messaggi ad esso associati, da un lato promuovendo le attività collegate al Giardino e dall’altro coinvolgendo i cittadini e le aziende con la vetrina multimediale Pagine Verdi Googreen www.googreen.giardinoforbito.it.

Giardino forbito permetterà in questo modo la massima diffusione della sua programmazione e baserà anche la divulgazione di questa cultura utilizzando nuovi canali di comunicazione per rivolgersi alle fasce più giovani dei cittadini, guardando quindi ad un orizzonte di lungo periodo.

Coesisteranno e si intrecceranno quindi attività ONLINE e attività OFFLINE.

Pagine Verdi Googreen è un indirizzario green evoluto e dinamico per la promozione di tutte le aziende, i negozi e le realtà che in diversa forma aderiscono alla filosofia eco-sostenibile della città e del territorio. Vetrina multimediale di tutte le imprese eco-friendly, è una piattaforma telematica che rappresenta sia un’ estensione nello spazio e nel tempo del format Giardino forbito, sia un amplificatore e catalizzatore online dei rapporti commerciali, dei valori e dei messaggi ad esso associati.

Ogni scheda azienda conterrà le foto migliori dell’attività, i dati, una breve storia, i contatti e le news, oltre all’aggiornata comunicazione di tutte le buone pratiche dell’azienda o impresa.  Sarà agganciata alla scheda Google+ e per chi volesse ancora maggior trasparenza ci sarà la possibilità di creare un tour virtuale con tecnologia Google, acquistando estremamente in visibilità, con fotografi certificati direttamente da Google. Ulteriore possibilità di personalizzazione del tour virtuale all’interno dell’attività (aprendo le porte al mondo per attuare la logica della trasparenza) con un prodotto altamente innovativo come Tourmake.

E’ prevista poi una pagina di marketplace, servizi di promozione per dare maggior visibilità, servizi di distribuzione e consegna prodotti/materiali in collaborazione con Car2go, con  Ponyzero e con realtà quali Cortilia, Korto, Kalulu e L’ Alveare che dice Sì.

Giardino forbito come rete

L’Associazione Culturale Giardino forbito ha nel suo organico diversi soci, ognuno con diverse mansioni e una diversa professione: dal progettista di orti e giardini, al giornalista che sa impostare un ottimo ufficio stampa per la diffusione delle attività sul territorio, al fotografo che è in grado di capire le esigenze delle aziende nel caso in cui richiedano consulenze professionali, al web master per l’ attività online, all’architetto paesaggista per allestimenti e ideazioni. Tuttavia la rete Giardino forbito e Pagine Verdi Googreen è molto più estesa e articolata: il privato o il professionista possono trovare al suo interno aziende dei Maestri del Gusto, come Ottimo Gelati, Fantolino o Peyrano, i vivaisti di Maestri di Giardino, il Mercato dei Fiori, ma anche aziende biologiche o vegane come Vegan Green Love e Casa Agape, realtà operative a livello nazionale come Confagricoltura ma anche la panetteria Farina nel Sacco, che fa produrre il pane ai carcerati, e, ancora, cooperative che si occupano di verde e laboratori per bambini e adulti come Potentilla, associazioni come detto sopra quali Urbees e I Love Toret.

Giardino forbito darà forte visibilità a tutte quelle aziende, attività e marchi che entreranno a far parte del network, tramite la vendita di prodotti, l’uso di diversi social, la grande rassegna stampa che sta creando, visibilità online e offline. Creerà una rete dove sia il privato che l’azienda possano attingere a seconda delle proprie esigenze.

Giardino forbito inoltre mette a disposizione delle attività che aderiranno al format il proprio network di utenti e le proprie reti frutto del patrimonio acquisito negli anni, garantendo quindi di nuovo grande visibilità.

La comunicazione di Giardino forbito è attiva su vari fronti: oltre a materiale cartaceo come brochure, cartoline e locandine, una pagina Facebook e un account Twitter, due siti web e l’invio ogni settimana di una newsletter ai suoi 5000 contatti.

Nonostante l’inaugurazione di Giardino forbito sia molto recente, dispone già di una notevole rassegna stampa e passaggi pubblicitari online: oltre a La Stampa, Torino Sette e La Repubblica, dove sono usciti diversi articoli nei mesi, si è parlato delle iniziative di Giardino forbito su Marie Claire e su Closette, blog milanese con un enorme bacino di utenti.

Le prossime sedi

Le prossime sedi Giardino forbito sono previste:

1) Nell’area di Parco Dora, in collaborazione con Towny Farmers,  il Museo A come Ambiente e Agroinnova, con la realizzazione della prima serra idroponica cittadina.

2) Nel contesto del Polo Reale, con la realizzazione di una serra costruita nella parte bassa dei Giardini Reali, in sinergia con il parcheggio sotterraneo prossimamente in cantiere, con il sostegno di Consulta per i beni artistici e culturali di Torino.

Altre sedi, con spazi più o meno ampi, potranno svilupparsi in altri Parchi e dimore storiche della città, nonché in quartieri industriali e/o periferici, punti nevralgici della città. Lo sviluppo del format, grazie alla replicabilità di ogni progetto Giardino forbito e all’effetto catalizzatore e amplificatore dell’indirizzario online Pagine Verdi Googreen, garantirà sempre più l’ammortizzare dei costi e la sostenibilità del progetto.

Post recenti
Giardino forbito Privacy Policy